• Home
  • /News
  • /Il party dei 18 anni e la maggiore età: scopri come li festeggiano fuori dall’Italia
Il party dei 18 anni e la maggiore età: scopri come li festeggiano fuori dall’Italia

Il party dei 18 anni e la maggiore età: scopri come li festeggiano fuori dall’Italia

Sempre più spesso mi chiamano qui a Prato e dintorni (anche per la vicinanza del mio studio fotografico al locale Liceo Copernico) per reportage fotografici ai party dei 18 anni. E qualche volta sono feste talmente sontuose da non avere niente a che invidiare con i più bei matrimoni.

Se da noi l’età della ragione è fissata ai diciotto anche sotto l’aspetto legale, in molti paesi del mondo il passaggio alla maturità avviene in età diversa, con festeggiamenti e modalità per noi davvero singolari.

Prato- Festa-18anni

Negli Stati Uniti e Canada ad esempio, si celebra il compimento dei 16 anni (chiamato Sweet Sixteen Party) con una grande festa e spesso – almeno chi se lo può permettere – con il regalo di una vera auto.

I terrificanti 13 anni dei Figli della Guarana

Ha invece più del rito tribale di iniziazione la terrificante cerimonia riservata al compimento dei 13 anni ai giovani maschi della popolazione dei Sateré-Mawé, una tribù indigena dell’Amazzonia brasiliana.
La tribù, che ha pochi contatti con il mondo esterno, attraverso questo rito concede ai suoi membri che entrano “in età adulta” il titolo onorifico di “Figli della Guarana“.

La cerimonia consiste nel catturare nella giungla delle feroci termiti, che vengono sedate dagli anziani del villaggio per immersione in una soluzione di erbe, per essere poi impiegate vive in un intreccio di preparazione di “guanti” speciali. Le formiche velenose infatti, una volta risvegliatesi dallo stato soporifero, si trovano imprigionate in questa sorta di guantone e iniziano a bombardare furiose la mano del malcapitato di turno con i loro tremendi pungiglioni! Ogni ragazzo diventa uomo indossando i guanti 20 volte nel corso di diversi mesi, e come segno di virilità deve mostrare di sapere sopportare il dolore senza piangere o mostrare debolezza.

Il passaggio all’età adulta degli ebrei ortodossi

Sempre a 13 anni presso gli ebrei ortodossi viene fissato il passaggio dall’età infantile alle responsabilità adulte: i festeggiamenti per il Bar mitzvah o Bat mitzvah (a seconda che riguardi i maschi o le femmine) includono il seudat mitzvah, un pasto celebrativo con la famiglia e gli altri membri della comunità, oppure altri tipi di ricevimenti e viaggi.

I 15 anni tutti rosa della Quinceañera

Tutta femminile è invece la tradizionale Quinceañera, un party che sa di vero ingresso in società, riservato alle debuttanti che di anni ne compiono 15, molto diffuso tra le popolazioni di origine ispanica di Cuba, Messico e tutta l’America Latina.

Normalmente i festeggiamenti iniziano con una messa speciale in cui la ragazza rinnova i voti battesimali e l’impegno verso la sua famiglia e la sua fede. La maggior parte delle ragazze trascorre mesi a prepararsi per la cerimonia e a imparare a “comportarsi” come una donna. Il rito religioso è poi seguito da una grande “fiesta” molto sontuosa, fatta di danze, di vestiti da ballo, damigelle e ciambellani di corte. In alcuni casi la festeggiata può scegliere tra la festa, un viaggio o un’automobile.

I 20 anni in Giappone: una cerimonia ufficiale uguale per tutti

In Giappone si tiene ogni anno il secondo lunedì di gennaio la cerimonia ufficiale del Seijin no Hi, la festa della maturità per tutti i ragazzi che hanno raggiunto i 20 anni tra il 2 aprile dell’anno precedente e il primo aprile dell’anno in corso. Le ragazze indossano speciali kimono, i furisode e i ragazzi gli hakama. Da quel momento ciascuno acquista il diritto di voto, quello di fumare e bere alcolici; dopo i festeggiamenti delle autorità locali i party dei maggiorenni possono svolgersi ovunque, anche con Minni e Topolino a Disneyland.

foto professionali party diciott'anni

Nel mondo sono veramente tanti i modi di festeggiare l’ingresso nell’età matura, e tutti molto diversi dalle feste in discoteca per i 18 anni che usualmente siamo chiamati a fotografare: ma di questi e altri party parleremo un’atra volta.

* foto tratte da un servizio fotografico dell’archivio Chiodini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*